NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Per saperne di più clicca qui
Approvo

Italy-icon United-Kingdo-icon France-icon Germany-icon Spain-icon Russian-Federation-icon

Prenota On-Line

Super User
Martedì, 11 Dicembre 2018 22:48

Pranzo di Natale 2018

Mettiamo a disposizione dei Clienti il menù per il pranzo di Natale 2018

Martedì, 11 Dicembre 2018 22:40

Cenone di San Silvestro 2018

Mettiamo a disposizione dei Clienti il programma del Cenone di San Silvestro 2018

Martedì, 11 Dicembre 2018 22:32

Pranzo di Capodanno 2019

Mettiamo a disposizione dei Clienti il menù per il Pranzo di Capodanno 2019

Mercoledì, 05 Dicembre 2018 06:30

Pranzo dell'Immacolata 2018

Mettiamo a disposizione dei Clienti il menù per il Pranzo dell'Immacolata - Sabato 8 Dicembre 2018.

biolmielSiamo lieti di comunicarvi che l’Azienda agrituristica Bergi ha ricevuto due medaglie d'argento per il MIELE DI ROVO E il MIELE MILLEFIORI alla VII edizione del premio internazionale BIOLMIEL 2013.
Biomiel è un concorso nel settore dell’apicoltura biologica a livello mondiale che serve a premiare e diffondere la qualità dei mieli biologici e sostenere la biodiversità e una gestione produttiva ispirata ai criteri della responsabilità sociale. Le medaglie sono state assegnate in base all’analisi sensoriale della giuria internazionale biolmiel.
L’azienda che partecipa al concorso tutti gli anni era già stata  vincitrice della medaglia d’argento alla V edizione con il miele di eucalipto e con la medaglia d’oro con il miele di cardo alla I edizione. Queste medaglie confermano l’impegno che da anni l’azienda porta avanti nel promuovere la qualità dei propri prodotti derivanti da agricoltura biologica e la valorizzazione del proprio territorio".

castelbuono-cena10-2013b-300x280Ha vinto il piatto “Gemme ai sapori di Bergi con pizzichinti”, preparato da Antonella di Garbo dell’Agriturismo Bergi, la prima rassegna gastronomica: “Gustando il territorio, un piatto da ricordare” che si è svolta, sabato e domenica, a Castelbuono.

Una kermesse gastronomica che ha coinvolto nove chef delle Madonie a giudicare una giuria composta dal giornalista Paolo Massobrio, dalla figlia del cavaliere Giuseppe Condorelli, Gloria, dallo chef Natale Giunta, dal maestro pasticcere Salvatore Cappello e dal maestro di cucina Giuseppe Giuliano. Al secondo posto piazzati gli chef Santino Cordone e Giuseppe Capuana del ristorante La Brace di Isnello, terzo classificato Angelo Matassa del Berillo, Gratteri.

Protagonisti del concorso, tra innovazione e tradizione, sono stati i sapori Madoniti, difatti nella preparazione del piatto era necessario l’utilizzo di almeno due prodotti del territorio.

Il primo raduno di maestri cuochi, pasticceri e sommelier è stato promosso dallo chef di cucina insegnante di sculture vegetali a Brescia, Franco Alessi e Nicola Fiasconaro (Fratelli Fiasconaro), in collaborazione con il Comune e l’associazione ristoratori di Castelbuono.
Domenica pomeriggio i maestri cuochi, pasticceri e sommelier si sono esibiti presso le antiche sale del castello dei Ventimiglia e per la prima volta sono state presentate in pubblico le “Lacrime di Sant’Anna” dolce legato alle tradizioni tipiche Castelbuonesi.

Fonte: MadonieLive

Martedì, 30 Luglio 2013 08:31

Settimana della Manna a Castelbuono

settimana manna castelbuonoDal 6 al 14 Agosto, durante il periodo della Festa, saranno preparati menù utilizzando il prezioso prodotto della nostra vallata. Avrete modo di gustare dall'antipasto al dessert.
Il meglio delle specialità della gastronomia castelbuonese accompagnate dal dolce dono della natura, La Manna.

L'associazione Ristoratori Castelbuono organizza escursioni guidati ai frassineti in coltura nei giorni 6-9-12-13 Agosto dalle ore 10:00.

Anche l'Agriturismo Bergi aderisce all'iniziativa: per informazioni contattateci tramite mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. o al numero 0921.672045

 

L’Associazione Ristoratori Castelbuono nell’ambito dell’iniziativa “Il Principato in festa”, Castelbuono Paese del buon mangiare, tra profumi, sapori, cultura e tradizioni, con il Patrocinio del Comune di Castelbuono, organizza per la prima volta, giorno 30 luglio 2013 ore 21.00 la manifestazione “CENA SOTTO LE STELLE”, una iniziativa inserita nella splendida cornice del centro storico di Castelbuono, che vedrà una tavolata da guiness da Piazza Castello a Piazza Margherita.

La manifestazione, che vede coinvolti i ristoratori locali e maestri pasticcer,i prevede un menù del casato dei Ventimiglia, con la promozione di piatti tipici ai sapori madoniti.

Anche l'Agriturismo Bergi aderisce all'iniziativa.

La serata sarà allietata da musica dal vivo e saranno fruibili il Castello, le Chiese e i Musei.

Considerato il notevole richiamo turistico dell’iniziativa, è possibile sin da ora provvedere alla prenotazione contattando l'Agriturismo Bergi al numero 0921.672045 o tramite mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.%20">Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Giovedì, 06 Giugno 2013 14:16

Il Parco delle Madonie

parco (1).jpgparco (2).jpgparco (3).jpgparco (4).jpgparco (5).jpgparco (6).jpgparco (7).jpgparco (8).jpg

 

Il Parco delle Madonie si estende nella provincia di Palermo, nei territori dei comuni di Caltavuturo, Castelbuono, Castellana, Cefalù, Collesano, Geraci Siculo, Gratteri, Isnello, Petralia Soprana, Petralia Sottana, Polizzi Generosa, Pollina, San Mauro Castelverde, Scillato, Sclafani Bagni.
Il massiccio si sviluppa da este verso ovest per circa 30 chilometri. Tra i rilievi più importanti si distinguono: Pizzo Carbonara (m. 1.979), Pizzo Antenna o della Principessa (m 1.977), M. San Salvatore (m 1.912), M. Ferro (m 1.906), M. Mufara (m 1.865), M. Quacella (m 1.869), M. dei Cervi (m 1.794), M. Scalone (m 1.654) e Pizzo Dipìlo (m 1.385).

Sotto l'aspetto botanico, le Madonie costituiscono uno dei territori più interessanti del Mediterraneo, per la quantità e la diversità biologica delle specie presenti. Nella fascia costiera prevale la tipica macchia mediterranea caratterizzata da arbusti quali: l' Erica, il Lentisco, la Ginestra ed il Corbezzolo. Alle quote più basse predominano il Leccio e la Quercia da sughero, più in alto si trovano la Roverella, la Rovere e il Faggio. Iinteressante é la presenza dell'Abete delle Madonie, ridotto a circa trenta esemplari.

Nelle Madonie si trovano più della metà delle specie vegetali presenti in Sicilia, come il Senecione candido, la Viola delle Madonie, l'Astragalo delle Madonie, l'Alisso delle Madonie, l'Aglio delle Madonie, la Ginestra di Cupane ed il Lino delle fate siciliane. Numerose sono inoltre le orchidee. Inoltre nelle Madonie troviamo il più alto numero di farfalle di tutta la Sicilia, oltre novanta specie. Il patrimonio faunistico risulta invece più compromesso. Tra i mammiferi ricordiamo la Martora, la Volpe, il Gatto selvatico, e fra gli uccelli l'Aquila Reale, l'Aquila del Bonelli, il Gracchio corallino e il Codirossone.


Dall'Azienda Agrituristica Bergi é possibile raggiungere il Sentiero degli Agrifogli giganti, che si sviluppa per circa 3,5 Km. Il tempo di percorrenza é di due ore circa. Lungo il percorso si incontrano grandi esemplari di Roverella e grandi distese di Ginestra di Cupane. Giunti al Piano Pomo si ha sulla destra il boschetto di Agrifogli secolari.

 

"Il Parco é aperto tutto l'anno."

Giovedì, 06 Giugno 2013 13:41

Vivi Castelbuono

castelbuono (1).jpgcastelbuono (2).jpgcastelbuono (3).jpgcastelbuono (4).jpgcastelbuono (5).jpgcastelbuono (6).jpgcastelbuono (7).jpgcastelbuono (8).jpg

 

A pochi chilometri dal mare, Castelbuono si è sviluppata ai piedi delle Madonie in una piacevolissima vallata abitata già nel neolitico e ricca di memorie greche, romane, arabe e bizantine.
Nel 1316 Francesco I dei Ventimiglia, conti di Geraci e congiunti di Federico II, vi costruisce un castello secondo il modello di maschio cui si affianca la residenza, utilizzando la struttura che già dominava Ypsigro, un piccolo casale che, nel 1282, contava 300 abitanti. La costruzione del castello fa crescere questa picola comunità tanto che nel 1454, quando Giovanni I vi si trasferisce con la sua "corte", Castelbuono è il centro più vivace nel vasto patrimonio dei Ventimiglia. Giovanni porta con se il segno più rilevante del valore della famiglia: la sacra Reliquia del teschio di S. Anna, donata a Guglielmo dal Duca di Lorena. Il castello e S. Anna, patrona del paese, saranno i due perni di molte vicende di Castelbuono, "capitale" dei Ventimiglia.

Nel XV secolo la corte marchionale, potente e colta, accoglie artisti di culture diverse e di notevole prestigio come F. Laurana che lavorerà al Mausoleo di famiglia. Fuori e dentro le mura nascono chiese e conventi con l'intervento di maestri lombardi e toscani che cureranno anche l'espansione urbanistica di un abitato che, da città feudale, tenderà nel XVI secolo ad assumere le caratteristiche di città capitale.

Una città nata a protezione di un territorio ricco di strutture produttive fondamentali per il disegno politico economico dei Ventimiglia che tendono a realizzare una sorta di piccolo stato autonomo.
Nel 1595 Giovanni III ha il titolo di principe di Castelbuono. Nel 1632 "la terra" diviene "città" e possiede i tratti di una città giardino realizzata secondo modelli, probabilmente, molto ispirati da F. Maurolico. Nella nuova trama urbana, per tutta la seconda metà del secolo, si incastrano chiese, conventi e fontane, mentre la prima metà era iniziata con l'apertura del cantiere per costruire una "nuova" matrice che si aprirà al culto nel 1701. Particolarmente vivace é la vita culturale: i Serpotta lavorano alla cappella di S.Anna, il castello viene ristrutturato e i Ventimiglia dotano la città di un teatro. Sono molto attive alcune accademie letterarie e Torquato Tasso è fra gli artisti di corte.

Negli ultimi decenni del '700 questo clima comincia a modificarsi fino agli scenari del secolo successivo quando, scomparendo la grande nobiltà, Castelbuono scopre la presenza attiva di famiglie che ne tengono alto il prestigio con eminenti figure quali Francesco Minà Palumbo.

Nel 1818-1819 diverse scosse sismiche danneggiano il Castello, e la Matrice Nuova perde i campanili e la cupola. Nel castello viene demolito l'ultimo paino e, ingrandita la Cappella, si creano l'ingresso attuale e le rampe. Agli inizi del '900 il Comune acquista il Castello e la Reliquia.

 

"Così é rimasto integro il legame antico."

 

Pagina 1 di 5

Newsletter

Iscriviti e riceverai direttamente nella tua casella di posta elettronica offerte, promozioni e notizie dall'Agriturismo Bergi.

Name:
Email:

 

facebook icon-tripadvisor

Azienda Agricola Bergi

Dove Siamo

Indicazioni dettagliate su come raggiungere l'Agriturismo Bergi.

Scopri come...

I Servizi

Scopri i servizi e le attività che proponiamo ai nostri clienti.

Continua...

I Prodotti

Marmellata, miele, olio e liquori di altissima qualità e dal gusto unico.

Continua...

E-Commerce

Acquista on-line e riceverai i nostri prodotti direttamente a casa tua

Visita il sito...